Turchia: sarebbero almeno 60 i giornalisti attualmente imprigionati


L’International Press Institute (Ipi) ha condannato i recenti arresti compiuti dalla polizia di Istanbul negli uffici del quotidiano Aydinlik e dell’emittente televisiva Ulusal Kanal, in seguito a cui cinque giornalisti sono stati imprigionati. L’accusa è di essere implicati in Ergenekon, un’organizzazione nazionalista secolare impegnata, presumibilmente, a ordire un complotto per rovesciare il governo del primo ministro Tayyip Erdogan. I cinque sono stati liberati poco dopo l’arresto, hanno riportato i media turchi, anche se immediatamente dopo una corte ha ordinato l’arresto di Turhan Özlü, redattore della stessa Tv Ulusal Kanal, e di tre membri del Partito dei Lavoratori Turchi. Secondo l’Ipi gli arresti costituiscono una “violazione della libertà di informazione”. L’organizzazione con sede a Vienna ha rivolto un appello alle autorità turche per l’immediata liberazione di Özlü. Secondo la Piattaforma “Freedom for Journalists”, che raccoglie diversi gruppi di media turchi, sarebbero almeno sessanta i giornalisti attualmente imprigionati per volontà del governo di Ankara. Una stima confermata anche dalla rappresentante per la libertà dei media dell’Osce, Dunja Mijatovic.
(fonte: Peace Reporter)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*