Turchia: Erdogan tenta riconciliazione con partito laico – punto

Istanbul, 7 lug. (TMNews) – Mancano pochi giorni al 13 luglio, quando il governo turco si presenterà in parlamento per ricevere il voto di fiducia. L’obiettivo del premier Recep Tayyip Erdogan è che in assemblea a votare ci sia anche il Chp, il Partito repubblicano del Popolo, di orientamento laico, che insieme con i deputati curdi si è rifiutato di giurare settimana scorsa. La protesta nasce dal rifiuto della magistratura di scarcerare due eletti del Chp e cinque filocurdi, in custodia cautelare. I due del Chp sono accusati di far parte di Ergenekon, organizzazione segreta che avrebbe tentato un golpe ai danni di Erdogan. I 5 deputati curdi sono accusati di collusione con il al Pkk, il Partito dei lavoratori del Kurdistan, che dagli anni Ottanta lotta per la creazione di uno stato indipendente.
Domani il neoeletto presidente del Parlamento, Cemil Cicek, incontrerà nuovamente il leader del Chp, Kemal Kilicdaroglu, che nei giorni scorsi ha visto anche il presidente della Repubblica Abdullah Gul. Fonti vicine Chp hanno rivelato a Tmnews che la questione potrebbe essere risolta nei prossimi quattro giorni.
 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*