“Michelle Iggins: Una zona del Mondo che attira i piu’ avventurieri: Il Kurdistan Iracheno


di Prof.ssa Ercolina Milanesi
Dopo il ritiro delle forze armate statunitensi dall’Iraq, sono pochi gli intrepidi tour operator che offrono dei viaggi nella zona semiautonoma curda, anche se negli ultimi anni gode di una relativa sicurezza e tranquillità. Per esempio la Geographic Expeditions propone tour di 21 giorni dal Kurdistan alla Turchia orientale; circa metà del tour sarà speso per esplorare il Kurdistan lungo la Hamilton Road che collega attraverso scenari mozzafiato, l’altra metà dedicata alla regione dell’Anatolia in Turchia. Distant Horizons è stata la prima compagnia che dal 2008 offre a piccoli gruppi di americani, l’opportunità di esplorare il Kurdistan con dei tour denominati “The changing faces of Iraqi Kurdistan”.
Nonostante il dipartimento di stato americano consiglia ai propri cittadini di evitare la visita dell’intero Iraq, il Foreign Commonwealth Office ha dichiarato che il Kurdistan è un’eccezione, affermando che: “Il rischio di attentati terroristici nelle province sotto il controllo del governo regionale del Kurdistan: Dohuk, Ebril e Sulaimaniyah è marcatamente e statisticamente più basso”. A rinforzare quest’ultima tesi è anche la riapertura dello scalo aereo, dopo 20 anni, di Lufthansa, che collega Francoforte a Ebril, la capitale del Kurdistan e la quarta città più grande dell’Iraq.
La terra del Kurdistan, offre uno scenario storico e culturale molto importante, infatti è possibile visitare la cittadella di Ebril, che risale all’impero assiro, il sito della battaglia di Gaugamela, dove Alessandro il grande sconfisse il re persiano Dario III e portò alla caduta dell’impero achemenide.
Secondo Janet Moore di Distant Horizons, un viaggio nel Kurdistan Iracheno offre la grande opportunità di incontri culturali autentici, infatti afferma che: “L’autenticità è qualcosa che può essere persa nella stessa velocità con cui avviene lo sviluppo”.
da Viaggioblog.it postato da Marghi

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*