I sunniti inviano i loro profughi in Kurdistan


La violenza settaria è l’invio di migliaia di civili dalle città irachene di Ramadi e Falluja nel Kurdistan iracheno. Le autorità curde hanno concesso loro un soggiorno temporaneo. Erbil, Kurdistan Region -…… «Molte più persone di Fallujah arriverà in questo modo”, prevede Abu Seif, che è appena arrivato da Fallujah con i suoi 26 membri della famiglia. Si affollano le scale di uno dei motel nel centro della capitale curda irachena di Erbil. Donne in abbayas nero, una parte dei loro volti nascosti dietro un niqaab, stanno invitando i bambini ad andare avanti. I loro figli stanno portando in materassi e coperte che li hanno trattati durante il lungo viaggio in un camion scoperto da Fallujah. Ora, sono necessari per lasciare tutta la famiglia dormire nel piccolo appartamento. La città irachena di Fallujah ha ancora una volta trasformato in un campo di battaglia. Dopo militanti di al-Qaeda affiliato Stato islamico dell’Iraq e della Siria (ISIS) occuparono la città, l’esercito è stato bombardando dall’esterno, colpendo i quartieri e costringendo i civili a fuggire. Lo stesso è accaduto quando gli americani quasi rase al suolo la città durante la loro missione contro i ribelli sunniti nel 2004. “Abbiamo lasciato tutto alle spalle”, dice Abu Seif. Come altri che sono fuggiti, lui è troppo spaventato per rivelare la sua piena identità. Il pilota di Fallujah è arrivato poco prima del buio in Erbil. Nel suo dishdashe verde e cappello islamico lavorato a maglia, sembra stordito quando si siede nella hall motel. “Il nostro quartiere è stato bombardato. Ognuno è in fuga. ” Lui è uno degli oltre 13.000 civili della provincia di Anbar, fuggito per la sicurezza del Kurdistan iracheno, anche se sanno che i sentimenti contrastanti nei confronti dei curdi sunniti iracheni. Molti curdi ricordano il loro ruolo durante il governo di Saddam Hussein, che ha ucciso migliaia di curdi. Le autorità curde ora sono bloccati nei conflitti non violenti con il nuovo governo sciita a Baghdad e hanno aperto le porte per l’ex nemico, allo stesso tempo, affermando che il loro soggiorno può essere solo temporaneo. I severi controlli ai posti di blocco in quanto l’attentato ad Erbil nel mese di agosto, che è stato rivendicato dallo stesso gruppo di al-Qaida che questa settimana ha occupato Falluja e Ramadi, sono state ammorbidite. A Falluja, l’esercito iracheno ora sta cercando di colpire il “Daish” usando razzi, dice Abu Seif, utilizzando il nome arabo in uso per ISIS. “Sparano alla cieca in aree civili. Molte case sono colpiti. ” “Nessuno sa che ci sta colpendo”, dice Abu Haidar, che sembra essere in stato di shock. “Non voglio parlarne più”, dice, tenendo d’occhio il canale televisivo iracheno che segnala per la violenza. Quando è stato chiesto, lui è d’accordo ci sono stati molti militanti in città. “Ma io non so se fossero Daish. Hanno guidato attraverso il quartiere in auto private. Sì, avevano pistole automatiche e (granate a razzo) di RPG. Ma le persone non sono stati minacciati. Siamo fuggiti dai bombardamenti. ” Quando un docente di chimica presso l’Università di Falluja afferma che ha riconosciuto sauditi, algerini e tunisini dai loro accenti tra i militanti, Abu Haidar punta a un gruppo di uomini armati in TV. “Come si può vedere da dove vengono?” I nuovi arrivati ​​dicono ISIS non sono più visti in città, ma l’esercito continua le riprese razzi. Un possibile obiettivo potrebbe essere la milizia locale che proteggono i civili nei quartieri e sono forse scambiati per ISIS. Per il docente di chimica il caso è chiaro: L’esercito e ISIS stanno lavorando insieme. I militanti stavano entrando in città durante il coprifuoco, dice. “Se l’esercito ha circondato la città, come possono? È stato fatto tutto in modo il Primo Ministro Maliki potrebbe portare l’esercito in città. ” L’esercito e il governo sono sciita, mentre Fallujah è sunnita. Sunniti iracheni hanno protestato per oltre un anno contro quello che considerano una discriminazione da parte del governo. Civili in fuga sostengono che il primo ministro sciita sta usando le differenze settarie per il suo tornaconto politico. Voleva creare il caos, dicono, di essere in grado di rinviare le elezioni di aprile e rimanere su. Caos è stato creato, anzi. Accanto alla lotta, non c’è elettricità in Fallujah, anche con i generatori fermato. Ci sono gravi carenze di cibo e gas da cucina. Gli ospedali hanno difficoltà a far fronte, il personale hanno lasciato, le medicine sono scarsi o viziati senza raffreddamento. Eppure, centinaia di civili ricevuti feriti e decine di morti, così coloro che hanno lasciato report. Per molti, è la seconda volta che fuggono, ma la situazione è molto diversa dal 2004, dicono. “Allora, non abbiamo avuto la violenza settaria”, dice il docente di chimica. Poi, è fuggito a Baghdad. Ma la capitale è diventata a maggioranza sciita da allora. “Perché sono sunniti che non posso andare a Baghdad”, conferma Abu Seif. «Mio zio è stato ucciso lo scorso mese. Tutta la nostra provincia è stato preso di mira solo perché siamo sunnita.
Rudaw.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*