Sen.De Gregorio in vista in Kurdistan


”Ho chiesto al Presidente del Kurdistan Iracheno, Massoud Barzani, di intervenire perche’ a Tareq Aziz venga risparmiata la vita. In linea con le aspettative del Governo italiano e del Ministro degli Affari Esteri Franco Frattini, il Presidente Barzani ha preso atto della sollecitazione e ha convocato i capi di tutti i partiti iracheni ad Erbil. Contemporaneamente al tentativo di favorire la composizione di un governo di unita’ nazionale fra le etnie irachene, domani sollevera’ la questione della condanna a morte di Tareq Aziz e consigliera’ la strada della tolleranza e del rispetto della vita contro quella della vendetta e dell’odio”. Lo ha detto il senatore Sergio De Gregorio, Presidente della Delegazione Italiana presso l’Assemblea Parlamentare della NATO, in visita ad Erbil su invito dello stesso Presidente Barzani.
”Il Presidente del Kurdistan mi ha assicurato – spiega il senatore De Gregorio – che la sua posizione non e’ una sorpresa: ”Il sangue non si lava con il sangue” mi ha riferito ”e per quanto mi riguarda la sete di vendetta del mio popolo, offeso da tanti lutti e da un terribile genocidio, si e’ trasformata in cultura del rispetto della vita umana. Io stesso ebbi a dire che perfino la moglie di Saddam Hussein e le sue figlie potevano restare in Iraq, perche’ non colpevoli dei massacri e delle pulizie etniche.
Tareq Aziz e’ un vecchio malato e non credo che lasciarlo in vita faccia la differenza…””.
”Ho assistito personalmente – continua il senatore del Pdl – alla lunga telefonata che Barzani ha intrattenuto con Joe Biden, Vicepresidente degli Stati Uniti d’America, al quale ha illustrato l’intenzione di rivolgere questo forte appello ai capi dei partiti iracheni, oltre alla strategia che egli stesso intende seguire per far si che il prossimo 11 novembre il Parlamento iracheno possa dar vita ad un governo di ampia coalizione. La riunione si terra’ presso il Palazzo Presidenziale e sara’ lunga e complessa, ma il Presidente Barzani conta di far trionfare il buon senso e la consapevolezza di un percorso politico unitario che porti a compimento l’ultimo e piu’ impegnativo atto del cammino della democrazia irachena”.
Infine Barzani ha rivolto al Presidente della Delegazione NATO, Sergio De Gregorio, l’apprezzamento per il lavoro delle Forze Armate italiane in Iraq che hanno contribuito, con abnegazione e sacrificio di vite umane, all’opera di stabilizzazione per un Iraq libero e indipendente.

(ASCA) – Roma, 7 nov

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*