Iran: giornalista condannato a sei anni per una intervista all’ayatollah Montazeri


24 settembre – La magistratura iraniana ha condannato il giornalista Emadeddin Baqi, famoso per le sue battaglie a favore dei diritti umani, a sei anni di prigione. La conferma arriva da alcuni siti web vicini all’opposizione, secondo cui l’uomo è stato incriminato lo scorso 22 settembre da un tribunale della rivoluzione di Teheran. A suo carico vi sarebbero le accuse di propaganda contro l’establishment e attentato alla sicurezza nazionale. Ambienti vicini all’opposizione riferiscono che la prova che avrebbe inchiodato Baqi sarebbe contenuta in un’intervista video con l’ayatollah Hossein-Ali Montazeri, trasmessa a dicembre – a pochi giorni dalla morte del leader religioso – in un programma in lingua farsi della BBC. Montazeri, scomparso nel dicembre scorso all’età di 87 anni dopo lunga malattia, aveva più volte criticato il presidente Mahmoud Ahmadinejad e accusato il suo governo di utilizzare metodi “dittatoriali”. Il programma in lingua farsi della tv pubblica inglese, che è visibile in Iran attraverso il satellite, è accusato dal regime iraniano di essere “mezzo di propaganda” dell’imperialismo mondiale e di mantenere un “atteggiamento ostile” verso lo Stato islamico. Il 48enne Emadeddin Baqi ha trascorso in carcere o in tribunale gran parte degli ultimi 10 anni a causa dei suoi articoli critici contro il sistema di potere e per l’attivismo a favore dei prigionieri politici. < Dal 2000 sarebbe finito in cella almeno 67 volte e soffre di gravi patologie al cuore e ai reni, aggravate a causa del carcere. Lo scorso anno a Madrid Baqi ha ricevuto il premio Martin Ennals Award for Human Rights Defenders, per le sue campagne pro diritti umani in Iran. (fonte: AsiaNews)
 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*