Incontro pubblico a Londra: giustizia e libertà per i bambini kurdi


Panoramakurdo:-
La detenzione dei minori è un abuso di potere da parte scandaloso qualsiasi stato e viola ogni principio del diritto internazionale. Non solo la pratica offendere la nostra convinzione che i bambini non dovrebbero essere trattati come gli adulti dal sistema giuridico, i costi politici della vittima i bambini in questo modo sono incalcolabili. In Turchia l’uso di detenzione e incarcerazione di bambini è emerso come un problema notevole in questi ultimi anni, dal 2006, migliaia di bambini di 12 sono stati perseguiti e centinaia sono stati arrestati dopo l’adozione della legislazione anti-terrorismo, che consente indagati arrestati con il sospetto di assistere a una protesta, scandendo slogan, facendo un segno di vittoria, o semplicemente di essere trovati nelle vicinanze di una manifestazione pubblica. Questi minori si lamentano spesso di essere esposti a tortura e maltrattamenti durante la detenzione, che vivono in condizioni spaventose in prigione, e sono spesso negato l’accesso all’istruzione. Anche se ipoteticamente chiunque può essere arrestato in base alla legge turca anti-terrorismo, le sue disposizioni sono state utilizzate in modo sproporzionato contro i curdi.
La detenzione dei bambini curdi nelle carceri turche, alcune frasi che servono di 5-25 anni, è una vergogna terribile sulla Turchia e una macchia sulla sua immagine all’estero. Tali abusi e maltrattamenti che i bambini curdi sono regolarmente costretti a sopportare non fa che aumentare l’alienazione e il senso di profondo risentimento provato da tutta la comunità curda che stanno lottando per la loro stessa esistenza nel proprio paese.
L’accusa di massa e la detenzione di bambini ha provocato un notevole protesta sia in Turchia che all’estero. Sotto il vessillo della giustizia per i bambini Initiative, un ampio ventaglio di attori della società civile, gli avvocati, gli intellettuali e da tutti gli angoli della Turchia, hanno chiesto la fine immediata della pratica ed è riuscito a mantenere la questione all’ordine del giorno pubblico e politico. La Turchia è stata criticata anche da Amnesty International, Human Rights Watch, e gli organismi delle Nazioni Unite per l’utilizzo della legislazione anti-terrorismo per imporre pene draconiane nei confronti di minorenni per reati politici.
L’ondata di opposizione a questa pratica terribile, che coinvolge alcuni bambini perseguire nei tribunali per adulti, può solo contribuire al prolungamento delle profonde divisioni sociali che indeboliscono la Repubblica turca e le cui radici affondano nella mancata a lungo di affrontare seriamente la questione curda. A questo proposito, la detenzione di bambini curdi non è evidentemente solo una questione di diritti umani e non può essere risolto semplicemente cambiando la legge. Tutti i bambini curdi, che la discriminazione esperienza fin dalla tenera età, sono ancora in grado di parlare la loro lingua madre apertamente e hanno bisogno di essere prudenti quando si esprimono le proprie opinioni; molti bambini che non possono tornare alle loro case e sono rimasti orfani o separati dalle loro famiglie, sono vittime di un conflitto che ha urgente bisogno di essere risolte per il bene della loro futuro e per il futuro della Turchia.
 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*