Iran, rischio di esecuzione imminente per un prigioniero curd

di Riccardo Noury – Pena di morte |Ramin Hossein Panahi (a sinistra nella foto), 22 anni, curdo-iraniano, rischia di essere messo a morte in tempi brevi.

Della sua vicenda, in occasione di una precedente annunciata esecuzione poi sospesa, avevamo parlato qui a giugno.

Panahi è stato condannato a morte nel gennaio 2018 dopo essere stato giudicato colpevole di appartenenza al gruppo Komala e di “insurrezione armata contro lo stato”, accuse che ha sempre negato.

Nei giorni scorsi, Panahi è stato trasferito da Sanandaj – il capoluogo della provincia del Kurdistan iraniano – alla prigione Rajaee Shahr nella città di Karaj, a ovest della capitale Teheran e a centinaia di chilometri di distanza dai suoi familiari. Potrebbe essere il prologo dell’esecuzione.

Fonti giudiziarie hanno dichiarato ai familiari di Panahi che il trasferimento a Karaj si è reso necessario per fornire al detenuto le cure mediche necessarie a risolvere dei problemi renali.

Una spiegazione strana, hanno ribattuto gli avvocati del detenuto, dato che a Sanandaj gli ospedali sono assai meglio attrezzati.

Le Nazioni Unite, le organizzazioni iraniane per i diritti umani e Amnesty International hanno sollecitato le autorità di Teheran a non procedere all’esecuzione, sottolineando l’irregolarità del processo – svoltosi in assenza di un avvocato di fiducia – e i maltrattamenti e le torture subiti da Panahi dopo l’arresto.

Fonte: http://lepersoneeladignita.corriere.it/2018/08/19/iran-rischio-di-esecuzione-imminente-per-un-prigioniero-curdo/?refresh_ce-cp

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*