Le Cooperative reggiane tra Kurdistan e Sudafrica


Si è conclusa con successo la missione che ha visto le tre cooperative reggiane CMR Edile, CAIREPRO e CAIRE Urbanistica impegnate in Kurdistan e Sudafrica……… Il Kurdistan – regione autonoma dell’Iraq – è attualmente uno dei mercati emergenti di maggior interesse. Forte di un’economia in grande espansione e di una situazione politico-sociale stabile e sicura, il paese sta vivendo un vero e proprio periodo di “boom” economico. Dal 2002 al 2012 il bilancio regionale è passato da 100 milioni di dollari a dieci miliardi e si stima nel periodo 2012-14 una crescita del Pil del 12%.
Le tre cooperative hanno partecipato con uno stand proprio a Project Iraq, la fiera internazionale del settore delle costruzioni che si è tenuta ad Erbil e che rappresenta un’autentica piattaforma operativa per il lancio e la condivisione di iniziative legate allo sviluppo di nuove opportunità di business.
La presentazione – Discover the Italian way to Plan, Design and Build the Future – ha suscitato grande interesse da parte dei visitatori e numerosi sono stati gli incontri con rappresentanti delle realtà locali e operatori internazionali.
“La nostra percezione sull’area e sullo sviluppo di possibili progetti futuri è molto positiva – sostiene Luca Bosi, presidente di CMR Edile – Abbiamo recentemente aperto un ufficio ad Erbil e siamo già in una fase operativa, grazie alla partecipazione ad alcuni appalti per la realizzazione di infrastrutture pubbliche”.
Dal Kurdistan al Sudafrica.
Le tre cooperative, CMR Edile, CAIREPRO e CAIRE Urbanistica hanno partecipato alla missione, promossa da Legacoop ed organizzata da In.D.A.Co., insieme ad una delegazione di cooperative italiane dei settori alimentare, manifatturiero, culturale e dei servizi.
In calendario una serie di incontri e approfondimenti con interlocutori istituzionali, aziende e professionisti oltre a possibili partner locali, con l’obiettivo di aprirsi al mercato africano.
“Il Sudafrica non rappresenta solo un interessante mercato in espansione – dichiara Paolo Genta, presidente di CAIREPRO – ma anche una delle migliori porte di accesso all’Africa meridionale, una regione in forte crescita soprattutto grazie alla grande ricchezza di materie prime”.
La missione si è svolta in concomitanza con l’assemblea generale dell’ICA, l’Alleanza Internazionale della Cooperazione, che si è tenuta proprio a Città del Capo ad inizio novembre con il titolo “Partecipazione, sostenibilità, identità, capitale e legalità” e che ha riunito nella città sudafricana più di mille rappresentanti di cooperative da 88 Paesi.
Della delegazione italiana facevano parte, tra gli altri, i reggiani Simona Caselli presidente di Legacoop Reggio Emilia e Mauro Ponzi presidente del Consorzio Mestieri di Confcooperative.
“Il Sudafrica è un paese che sta lavorando con determinazione per superare i problemi di equità e sicurezza – dichiara l’architetto Lorenzo Baldini, responsabile esteri di CAIRE Urbanistica – L’impressione che abbiamo avuto dai primi incontri è molto positiva, siamo entrati in contatto con una realtà dinamica e accogliente”.
***
CMR Edile vanta un know how consolidato che le consente di realizzare con successo opere di medie e grandi dimensioni. In particolare: ospedali, edifici scolastici, impianti sportivi, poli commerciali e strutture per la grande distribuzione organizzata. Unitamente alle proprie controllate (SITECO e SITECOFER) oggi può contare su un organico di oltre 250 persone ed esprime un fatturato annuo di 130 milioni di euro.
CAIREPRO fondata a Reggio Emilia nel 1947 è la prima cooperativa di architetti e ingegneri in Europa. Con 12 soci e più di cento collaboratori tra professionisti e dipendenti è attiva nei settori dell’architettura, dell’ingegneria impiantistica e strutturale, del project management, dell’informatica e dell’energia.
CAIRE Urbanistica società cooperativa da più di 65 anni è leader nazionale nel campo della pianificazione territoriale, dell’urbanistica, della mobilità, della valutazione ambientale, del rinnovo urbano, della partecipazione e della pianificazione energetica.
Fonte:Modena2000
 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*