Più di 22.600 libri proibiti in Turchia


Le autorità turche hanno vietato più di 22.600 libri in 60 anni, secondo una recente dichiarazione fatta dal ministro degli Interni. A seguito di tali provvedimenti migliaia di persone si trovano attualmente in carcere per aver espresso…… le loro opinioni. La lista dei testi proibiti include: “The Fall of Paris” di Ilya Ehrenburg, un libro di Clara Zetkin sulle donne, “Il Manifesto del Partito Comunista”, “l’alfabeto socialista”, ma ovviamente anche libri di scrittori turchi e curdi, come Nazim Hikmet, Aziz Nesin, e Ismail Musa Anter Besikci. Il “Mem-u Zin”, scritto nel 17 ° secolo da Exmedê XANI, scrittore e poeta curdo, è incluso tra i titoli dei libri censurati. Secondo l’ultimo rapporto dell’IHD, dal titolo “l’istituzionalizzazione dello stato di polizia”, 11,994 persone hanno subito un processo nel 2010 per “propaganda di organizzazioni terroristiche” a seguito dell’applicazione della TMK. L’IHD sostiene che nel 2011 sono stati bloccati 6,504 siti Internet , nello stesso anno la situazione della libertà di espressione e di stampa è notevolmente peggiorata. Secondo Bianet, sette quotidiani sono stati confiscati 11 volte e nove magazine 16 volte, mentre nove manifesti, due banner e tre libri sono stati vietati o confiscati e un libro è stato oggetto di indagine. Inoltre, le Autorità hanno ammonito 33 canali televisivi 41 volte e 3 volte una radio. Il RTÜK ha prodotto 383 avvisi contro 480 canali TV e 20 stazioni radio e ha provocato la sospensione di 27 programmi. La polizia ha fatto irruzione in ben sedici sedi dei media in Turchia , nel corso dell’anno 2011, sempre secondo l’IHD. La Turchia rimane anche la più grande prigione del mondo per i giornalisti. Secondo il supporto della piattaforma dei giornalisti incarcerati (TGDP), 91 giornalisti, per lo più curdi, tra cui 18 caporedattori e responsabili sono attualmente dietro le sbarre. (fonte Nuce tv e actukurde)
Pubblicato da azadiya

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*