Missione della Turchia in Iran, Siria, Giordania

Il ministro degli Esteri turco, Ahmet Davutoglu, ha discusso ieri sera a Teheran con il suo omologo iraniano Ali Akbar Salehi gli sviluppi in Siria, in una missione che lo sta portando in diversi Paesi della regione nel tentativo di trovare una soluzione negoziata alla crisi. Davutoglu, giunto in tarda serata in Iran proveniente dall’Arabia Saudita, ha in programma di recarsi anche in Siria e Giordania, secondo quanto sottolinea la elevisione iraniana in inglese PressTv. L’Iran è il principale alleato della Siria nella regione e nelle scorse settimane ha spiegato le proteste siriane come il risultato di un complotto degli Usa e di Israele. Il governo del primo ministro turco Erdogan, preoccupato dall’afflusso nel suo Paese di profughi dalla Siria e dalle possibili ripercussioni sui territori abitati da popolazioni curde a cavallo tra i due Paesi, ha espresso invece impazienza verso la politica repressiva di Damasco, invitando il presidente Assad a fare riforme sostanziali. La Turchia, ha ribadito ieri sera il ministro degli Esteri Davutoglu dopo l’incontro con Saleh, “è contraria ad ogni misura che violi i diritti umani e resista alle richieste del popolo”.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*