Unioncamere: siglata partnership per rilancio imprenditoria irachena


Una stretta cooperazione Italia-Iraq per la realizzazione di un progetto di Institutional Building il cui obiettivo è dotare le piccole e medie imprese del Paese del Golfo di strutture di assistenza efficaci, di un Albo informatizzato delle aziende irachene nonché realizzare azioni mirate a favorire la commercializzazione dei prodotti italiani e iracheni e il partenariato fra imprese. E’quanto si legge in una nota che sottolinea che partner dell’iniziativa, lanciata oggi con la firma del Memorandum of Understanding, sono Unioncamere e United Nations Development Programme for Iraq (UNDP-I), organismo che, per conto dell’Onu, coordina l’azione delle agenzie delle Nazioni Unite preposte alla realizzazione del Private Sector Development Programme for Iraq.
Alla firma del Memorandum, sottoscritto dal Presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello, e da Simona Marinescu, Direttore del Programma di Sviluppo del Settore Privato, UNDP-Iraq, hanno preso parte Thamir Al-Ghadbhan, Capo della Commissione Consultiva del Primo Ministro iracheno e della Task Force per le Riforme Economiche; Maurizio Melani, Ambasciatore d’Italia in Iraq; Saywan Barzani, Ambasciatore dell’Iraq in Italia; Stefania Craxi, Sottosegretario del Ministero degli Affari Esteri e Adolfo Urso, Vice Ministro dello Sviluppo Economico.
Da oltre un anno, Unioncamere ha formulato un progetto articolato di azioni a favore dell’imprenditoria irachena attraverso le istituzioni del Paese al servizio delle imprese e, in particolare, le Camere di commercio e le associazioni imprenditoriali.
La decisione del Governo iracheno dell’8 aprile scorso di affidare a Unioncamere la guida del processo di adeguamento e rafforzamento delle Camere di commercio e delle associazioni imprenditoriali locali ha fatto si che l’UNDP-I, ed in particolare il suo speciale programma “Private Sector Development Programme for Iraq” (PSDP-I), proponesse all’Unione di siglare un Memorandum of Understanding, che è il massimo strumento di partnership e collaborazione che l’organismo dell’ONU possa stabilire con le sue controparti più importanti e prioritarie. Ad oggi, l’UNDP-I ha stabilito Memorandum of Understanding solo con l’OCSE, la Banca Mondiale e altre importanti istituzioni internazionali.
Il Memorandum of Understanding prevede che Unioncamere rappresenti la political guidance dell’UNDP-I per l’azione di sviluppo delle Camere di commercio e le associazioni imprenditoriali (a questo scopo, l’Unione agirà in collaborazione con le agenzie dell’ONU deputate al settore privato (ILO e UNIDO), oltre che ovviamente con il Governo italiano.
Temi specifici dell’azione comunque saranno quindi: il ruolo e la posizione delle Camere di commercio e delle associazioni imprenditoriali irachene; la formazione dei quadri per offrire un servizio completo ed efficace alle imprese, incluse le PMI; la realizzazione e mantenimento di una banca dati per le imprese irachene; la creazione di momenti di incontro fra imprese irachene e italiane.
In particolare, la banca dati, strutturata come un portale denominato Albo Imprese Iracheno, consentirà ai soggetti interessati (Ministero del Commercio Iracheno, intermediari ed imprese), di avere un unico punto dal quale reperire le informazioni fondamentali riferite alle imprese irachene, al territorio, all’economia, alle opportunità di business, ai finanziamenti. Il portale potrà gestire documenti in formato digitale, completi di firma digitale secondo lo standard italiano, che saranno in esso caricati dai funzionari autorizzati favorendo lo scambio di informazioni fra gli iscritti, aziende, ed i soggetti che abbiano la necessità di avere o intraprendere rapporti con imprese operanti in Iraq.
(Teleborsa) – Roma, 30 set –

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*