Siria. A Ginevra i colloqui fra le parti, con chi vuole al tavolo i jihadisti ma fa allontanare i curdi di Kobane

siria

siria

di Enrico Oliari
Ha preso il via a Ginevra l’incontro fra le parti coinvolte nel conflitto siriano, con la mediazione dell’inviato dell’Onu Staffan de Mistura. Si tratta di un’occasione per cercare di arrivare al……

cessate-il-fuoco per un conflitto che ormai dura da cinque anni e che è già costato la vita a 260mila persone, e possibilmente a costituire quantomeno l’embrione di un governo di unità nazionale.
Gli scogli principali sono il ruolo del presidente siriano Bashar al-Assad, sostenuto in particolare (ma non solo) dalla Russia, e chi ha titolo di sedere al tavolo delle trattative, con l’Arabia Saudita che insiste nel volervi portare anche quei gruppi sunniti che nella scala di grigi risultano essere vicinissimi al jihadismo.
Fatto sta che i primi a saltare sono stati i curdi siriani del Ypd (Unione democratica curdo siriana), impegnati nella difesa e nel mantenimento delle regioni di Cizre, Kobane ed Efrin, la cui azione ha impedito all’Isis di estendere un controllo del territorio di 400 chilometri lungo il confine turco: giunti nella città elvetica, la delegazione curda non ha neanche fatto in tempo a disfare le valigie ed ha dovuto prendere il primo aereo di ritorno in quanto non vi era nessun invito. Questo su intervento della Turchia, che considera l’Ypd del Rojava un’organizzazione terroristica in contatto con il Pkk, come pure delle delegazioni delle opposizioni, che hanno ostacolato la partecipazione dei curdi in quanto considerati (a torto o a ragione) fedeli al governo di Damasco.
In questa logica assurda, per cui c’è chi ha tentato di fare la terza riunione di Ginevra senza coinvolgere le parti ritenute scomode (Russia compresa), poco ha pesato l’impegno dei curdi di difendere Kobane fino a contrattaccare e sottrarre all’Isis parti del territorio.
Davanti all’evidente smacco, il leader del Ypd Saleh Muslim ha fatto sapere che “Non ci impegneremo ad aderire ad alcuna decisione che dovesse essere presa a Ginevra, ivi compreso un eventuale accordo di cessate-il-fuoco”.
Proteste per l’assenza dei curdi sono arrivate dal rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite, Alexey Borodavkin, il quale ha twittato che “I curdi siriani sono cittadini della Siria. Hanno il diritto di essere coinvolti nei colloqui sul futuro del loro paese”.
L’Arabia Saudita a Ginevra sta sponsorizzando l’Hnc, l’Alta rappresentanza delle opposizioni che raggruppa ben 32 fazioni di ribelli sunniti anche dichiaratamente salafiti, come nel caso di Ahrar al-Sham e Jaysh al-Islam. Ad opporsi (per ora invano) alla loro presenza sono stati, oltre a Damasco, la Russia e l’Iran. Tra l’altro il leader di Jaysh al-Islam, Zahran Alloush, è rimasto ucciso in un raid russo il 25 dicembre proprio perché considerato un terrorista, ed oggi il fratello Mohammed vorrebbe essere incluso nei negoziati.
L’esclusione di una parte dei 32 gruppi dell’Hnc potrebbe arrivare dagli incontri preparatori con Staffan de Mistura, il quale è chiamato ad individuare una formula di equilibrio tra le rappresentanze tale da salvare le trattative.
A Ginevra sono giunti anche rappresentanze delle opposizioni non facenti parte dell’Hnc, come il Gruppo del Cairo, gradito da Mosca, e i rappresentati della minoranza cristiana.
Il primo a muoversi è stato l’Hnc, il cui portavoce Salim Muslet ha chiesto “l’immediato rilascio di donne e bambini prigionieri, la fine dei raid aerei russi e del regime e la fine dell’assedio delle città”, pur precisando che tali richieste non rappresentano delle “precondizioni”. Il leader dell’Hnc, Riad Hijab, non presente a Ginevra, ha però precisato che le trattative non hanno senso “se il regime continua a commettere questi crimini”.
In realtà il caos siriano, in cui – non dimentichiamo – c’è chi ha sostenuto e continua a sostenere al-Qaeda (Jabat al-Nusra) e persino l’Isis, ha visto e vede crimini da entrambe le parti, basti pensare che come l’esercito e gli hezbollah hanno assediato e costretto alla fame Madaya, altrettanto hanno fatto i ribelli e gli alleati qaedisti con al-Fuah e Kafaya, nel nord del paese.
fonte: Notizie geopolitica

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*